Il ruolo dell’immaginazione nella deduzione trascendentale delle categorie - Paolo Gomarasca - Vita e Pensiero - Articolo Filosofia Neo-Scolastica Vita e Pensiero

Il ruolo dell’immaginazione nella deduzione trascendentale delle categorie

digital Il ruolo dell’immaginazione nella deduzione
trascendentale delle categorie
Articolo
rivista RIVISTA DI FILOSOFIA NEO-SCOLASTICA
fascicolo RIVISTA DI FILOSOFIA NEO-SCOLASTICA - 2017 - 3
titolo Il ruolo dell’immaginazione nella deduzione trascendentale delle categorie
autore
editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 01-2018
doi 10.26350/001050_000007
issn 00356247 (stampa) | 18277926 (digitale)
€ 6,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

The aim of this paper is to examine the role that Kant assigned to the imagination, in the transcendental deduction of the categories. As it is known, this role is highly controversial: some scholars are convinced that the imagination has a function which is merely ancillary and subordinated to the intellect (and to the sensibility); while others retain that its role is relevant, even though the intellect alone is entitled to a place of honor in the first Critique. My point is that it is possible to argue that imagination has a crucial role in the deduction of the pure concepts of the intellect, precisely because the conceptual architecture of The Critique of Pure Reason is threefold and not simply twofold.

keywords

Kant, Heidegger, Categories, Imagination

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento